Il popolo Tuareg è un popolo nomade del deserto suddiviso in 21 tribù (kel). I Tuareg non hanno Stati né Frontiere; gli Europei hanno tracciato la loro cupidigia sulla sabbia, tagliando a metà i villaggi. Hanno provocato una rivolta sanguinosa che non si placa, “La Palestina d’Africa”. 

Ogni Tribù ha una Croce, unica nel suo genere, i significati sono differenti: sociale e politico (simbolo di appartenenza politica, di una donna verso un uomo); decorativo (elegante monile); magico (come protezione); esoterico (reminiscenza storica di un passato cristiano che il popolo berbero presenta fiero per ricordare l’invasione araba). 

Le croci Tuareg

Tutte sono di metallo battuto e inciso a mano. Se ascoltate il popolo Tuareg ogni persona vi racconterà un uso diverso delle croci. A Rissani ci viene raccontato che l’uso è destinato solo alle donne: una croce sei single e a cuore aperto, due croci il tuo cuore è già occupato. Nei dintorni di Ouarzazate ci raccontano che le croci le portano anche gli uomini, sono simbolo di prestigio. Questo perché, come detto, ogni tribù ha la sua croce con il suo significato e sarebbe impossibile semplificarlo.

Oggi giorno le croci Tuareg sono fonte di ispirazione per gioielli e amuleti, sono disegnate nelle trame dei tappeti e vengono appese sulle pareti in casa com segno di protezioni. Le trovi anche nei principali souk del Marocco. Hai paura dei perderti nei grandi souk delle città imperiali? Non preoccuparti abbiamo scritto l’articolo giusto per te !


Condividi questo viaggio con altre persone!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *