Visitare Carnac sarebbe come visitare tante delle città costiere della Bretagna, se non fosse per gli allineamenti di pietre sinistre che si stagliano a lato della strada. Questi campi di fiori e menhir sono recintati ma ci sono sentieri lungo entrambi i lati dei campi. Vi accorgerete subito di essere vicino a qualcosa di importante: lunghe file di turistз e scolaresche si aggirano intrepidз nei dintorni. Un cartello “Vieni a Carnac per le spiagge e rimani per i monumenti neolitici!” rende tutto chiaro. 

Allineamenti di Carnac

Gli allineamenti di Carnac

I principali allineamenti sono 3: Alignements du Ménec (1169 pietre in 11 file), Alignements de Kermario (1029 pietre in 10 file) e Alignements de Kerlescan (555 pietre in 13 file). Si trovano tutti sulla statale D196 nel raggio di 2km e sono disposti in orientamento nord-est/sud-ovest, paralleli al mare. E’ possibile lasciare la macchina in uno dei tanti parcheggi e spostarsi sempre a piedi.

Allineamenti di Carnac

Oltre agli allineamenti, la caratteristica più importante di Carnac è ​​il grande Tumulus Saint-Michel. Si tratta di una collinetta artificiale costruita 4000-5000 contenente delle rudimentali tombe, probabilmente per la classe dirigente di questa società neolitica. Una cappella fu costruita sulla sommità del tumulo nel XVII secolo. Nei dintorni singoli menhir e i dolmen sono sparsi a perdita d’occhio.

Allineamenti di Carnac, il Tumulus Saint-Michel

Gli altri siti preistorici di Carnac

Nei dintorni si aggiungono tutta una serie di menhir di varie dimensioni. Alcuni dei semplici sassi, altri degli imponenti monoliti alti anche 5 metri, alcuni solitari, altri disposti in cerchio formando strutture chiamate Cromlech. A questi si aggiungono i Dolmen (gruppi di due o più pietre verticali sormontate da pietre verticali a formare una specie di tetto).

I complessi più interessanti sono senz’altro il Géant du Manio, il Dolmen de Kerlescan, l’Alignements du Petit-Mènec tutti e tre vicini agli Alignements de Kerlescan. Tra i tumuli invece sono da non perdere il Tumulus de Kercado e il Tumulus du Moustoir (3 km più a nord).

Nel centro città, il Museo della Preistoria potrebbe essere un ottimo complemento a una visita intorno menhir in quanto aiuta a rispondere alle principali domande che vengono sollevate sulle linee di pietre. Chi ha messo in fila queste pietre e da dove vengono? Qual era il loro scopo? Quando è avvenuto? 

Francamente noi il museo non l’abbiamo visitato, ma abbiamo comunque alcune risposte. Le pietre risalgono almeno al 5700 a.C. e sono molto anteriori alle piramidi egizie, a Stonehenge o Cnosso. Si tratta, infatti, di uno dei siti più antichi al mondo e fa pensare a un popolo stabile, che aveva abbandonato il nomadismo.

Le ipotesi

Carnac è di certo avvolta in un tepore magico, Avenue des Druides o Route des Korrigans (la strada dei Goblin), indicano che lз primз urbanistз di Carnac erano intentз a creare un’aria di antico mistero. L’aria di magia che circonda le pietre di Carnac si ha anche nelle prime teorie sulle misteriose linee di pietra. Secondo le leggende, infatti, si trattava di soldati pagani trasformati in pietra da Merlino. Più avanti i soldati delle truppe alleate pensavano fossero ingegni messi li dai tedeschi.

Oggi non sappiamo molto di più di quello che i megaliti rappresentavano un tempo. Si ipotizza che siano relativi a funzioni o feste per il quale ogni anno è stato aggiunto un “pezzo”, molto più probabile che una costruzione in una sola volta della struttura. Le direzioni dei megaliti e l’esposizione non ci dicono molto; potrebbe essere che nei secoli si siano spostate tramite moti geologici o sprofondate nel terreno. Probabilmente molte sono state rimosse da contadinз stanchi dei passanti che invadevano il loro terreno rovinando il raccolto.

Carnac si trova nella frastagliata costa del sud, non troppo distante da Brest ed è uno ottima tappa per esplorare i dintorni. Vuoi sapere come l’abbiamo inserita noi in un tour di 12 giorni tra Normandia e Bretagna. Leggi tutto l’articolo qui sotto!


Condividi questo viaggio con altre persone!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *