Benvenutз in una nuova decade! 

Lasciatoci il funesto 2020 alle spalle è il momento di guardare in avanti con un pò di speranza. Stavate già pensando ai prossimi viaggi che vorreste fare? Noi di Perfect Places non siamo stati con le mani in mano e abbiamo fatto girare le rotelle nel cervello. Tutto ciò che avremmo voluto fare in questo esiziale anno e poi rimandato, più qualche idea random che ci è venuta in mente. Così è nato questo elenco di luoghi in cui intendiamo viaggiare in questo 2021 (si spera) che speriamo possano esservi da ispirazione.

Travelers torniamo in strada! Ecco 9 posti TOP da scoprire nel 2021.

Giordania

Accarezzata dai caldi venti del deserto, la destinazione turistica e accogliente del Medio Oriente è a quattro ore di volo da Milano. Il viaggio era quasi preparato per la fine dell’estate 2020 ma avevamo deciso di cancellarlo prima ancora di prenotare. Naturalmente, la possente città rosea di Petra è punta di diamante del viaggio: scavata all’interno di un canyon dai Nabatei e citata per la prima volta nel 312 a.C. Meno conosciuta è la natura selvaggia della Giordania e le opportunità di fare escursioni, come nel Wadi AlMujib e il suo canyon roccioso dove si può ammirare flora e fauna di ogni tipo e forma. Altrove, oziare sul Mar Morto incredibilmente salino, a -400 metri sul livello del mare. Meritato relax.

Libano – La natura del Nord

Rimaniamo nelle vicinanze. Da Milano partono (o meglio partivano pre covid e pre esplosione del 4.08.2020) voli super economici con Ryanair per Beirut. La capitale del Libano è, nonostante la massiva distruzione dovuta alla guerra civile che continua fino ad oggi, piena di siti da visitare. A noi quello che ci chiama davvero del Libano sono le sue montagne. Risalire la costa da Beirut verso Byblos e poi persersi per le strade che si inerpicano sulle montagne, a 2.000 metri. Di inverno la neve, in estate una fuga dal torrido caldo delle pianure. E’ qui che tra foreste di cedro e canyon si nascondo maestose cascate, la più famosa è la Baatara che precipita in un buco nella roccia calcarea formando ponti naturali da cui è possibile ammirarne l’unicità. Un paradiso per lз escursionistз e lз amanti della natura ricco di sentieri tra aquile e lupi. Nel 2019 siamo andatз in Georgia pensando, andremo in Libano l’anno prossimo. Speriamo di poterlo dire per davvero quest’anno.

Messico – Chiapas

Appena oltre il confine con il Guatemala, lo stato messicano del Chiapas è pieno di lussureggianti altopiani montuosi, che ospitano quasi una dozzina di importanti siti archeologici Maya (le antiche rovine di Palenque risalgono al 266 a.C.). La foresta pluviale della Riserva della Biosfera di El Triunfo offre tante avventure all’aria aperta, così come fattorie di caffè che serpeggiano attraverso la regione di Soconusco, cascate azzurre e fiumi per il rafting. Nelle sue città, come San Cristóbal de la Casas e Palenque, si sentono lingue antiche e si mangiano piatti secolari a base di ingredienti autoctoni, come i tamales con chipilín. Nella chiesa di San Juan de Chamula (di cui lessi su Atlas Obscura), le messe incorporano abbastanza chiaro di luna e sacrifici di animali da non essere più riconoscibilmente cattoliche. Qui lз adoratorз bevono Coca-Cola e “pox“, il distillato regionale, e ruttano con l’intenzione di evacuare gli spiriti maligni. Insomma un bel mix di assurdità che non intendiamo perderci.

Inghilterra – Cornovaglia

Scogliere scoscese, spiagge disseminate di fossili e pittoresche città portuali hanno attirato a lungo artistз e turistз sulle coste dell’Inghilterra. Nel 2021, tracciare la costa selvaggia e battuta dal vento sarà più facile che mai quando i segmenti finali dell’Inghilterra Coast Path lungo 4.373 km si collegheranno, formando il percorso a piedi costiero più lungo del mondo. La costa da Start Point sino a Bournemouth, conosciuta come Jurassic Coast, è senz’altro la più affascinante e mica per niente sito dell’UNESCO dal 2001. Il sud dell’Inghilterra conserva lingue perdute, costiere bianche come la neve e segrete baie verdi diamante; quasi lo specchio della Normandia, situata dall’altra parte del canale della manica. Una meta che non ci faremo sfuggire nell’estate 2021.

Georgia – Svaneti

Nell’autunno 2019 non ce la siamo sentita di rischiare e di arrampicarci su per lo Svaneti, saremmo potutз rimanere bloccatз sotto una felice coltre di neve. Al nostro tour in Georgia abbiamo quindi sottratto lo Svaneti e aggiunto 6 giorni in Armenia. Ne siamo statз stra felici, ma ci siamo prepostз di tornare. Lo Svaneti è la regione della Georgia più arcaica e difficile da raggiungere. Qui viene ancora parlato lo Svan e il Mingrelio, delle antiche lingue imparentate con il Georgiano. Ushguli osserva l’Europa dall’alto: è questo il villaggio continuativamente abitato più in alto d’Europa (se considerate la Georgia Europa). Riconosciuto come patrimonio mondiale dell’UNESCO, a Ushguli il tempo si è fermato, forse a causa del suo isolamento dovuto alle pesanti nevicate. Impossibile non notare le tipiche case torri difensive del XII secolo. Lo Svaneti è pieno di opportunità per fare escursioni, toccare ghiacciai con le mani e perdersi nella natura della Georgia, disconnettendosi dal mondo.

Cosa dovete sapere prima di partire per la Georgia? Questo ve lo abbiamo già detto!

Iran – Isfahan

Isfahan è una delle città più belle di tutto l’Iran e sicuramente una meta economica in cui andare. Per quello ci avevamo messo gli occhi sopra, inoltre una volta in Iran, un biglietto per l’autobus per una qualsiasi altra città dell’Iran costa solo qualche euro. Il nostro piano per l’Iran è nel cassetto da un po’. Isfahan è la meta perfetta per esplorare la bellezza persiana antica, con la Piazza Naqsh-e Jahan e la Moschea patrimonio UNESCO e i magnifici ponti sul fiume. I Monti Zagros circondano Isfahan a sud. Nella provincia del Chaharmahal e Bakhtiari la natura da il meglio di sè: cascate potenti, canyon segreti, miriadi di sorgenti, grotte profonde e zone paludose sono disseminate in aree protette come la Tang Sayyad o il parco nazionale di Parvaz. Pensate c’è pure una grotta nel ghiaccio, la Chama Ice Cave. Chi lo avrebbe mai pensato in Iran? Assolutamente da non farci sfuggire alla nostra ripartenza.

Turchia – Cappadocia

Un viaggio in cantiere da un paio di anni e continuamente rimandato. La Cappadocia è una meta molto gettonata e c’è una ragione. Il nostro obbiettivo è il Goreme National Park un museo a cielo aperto sito UNESCO dal 1985. Il parco presenta un paesaggio roccioso, con tufo e materiale vulcanico eroso dall’acqua formando giocose strutture a camino, torri di roccia e hoodos che furono scavate e abitate in maniera interconnessa. In Cappadocia c’è molto altro ancora, come la città morta di Ortahisar, o le città sotterranee di Kaymakli e Derinkuyu, e ancora Avalon con le sue bellissime terracotte o il profondo Ihlara Canyon. Si tratta di un grande classico, probabilmente non molto diverso da altri tour che leggerete online, non per questo siamo meno pronti a intraprenderlo!

Dove viaggiare nel 2021: Cappadocia

Sud Africa – Kruger National Park

Sapete cosa ci manca da tanto tempo? La sensazione di essere piccolз piccolз in un mondo gigantesco. Cosa meglio è capace di donare la sensazione di essere in balia del tempo e dello spazio che un safari africano? Nello specifico il Kruger National Park, al nord di Johannesburg al confine con il Mozambico. Il parco fa parte della Biosfera Kruger to Canyons, un’area designata dall’UNESCO che accoglie tutti i Big 5 (leone, rinoceronte, elefante, leopardo e bufalo africano), oltre a flora autoctona e cascate meravigliose. Negli ultimi anni inoltre il Sud Africa ci ha stupido con una sottocultura sempre più in crescita, Moltз artistз, nel campo dell’arte e della moda, si ribellano al sistema socio-culturale arduo e aspro e si riescono a far conoscere a livello mondiale occupando nuovi spazi al timone della vivace scena artistica del paese. Per questo non possiamo pensare di perderci Johannesburg e Cape Town capitali culturali del paese. Speriamo di riuscire a conguagliare tutto in un viaggio solo!

Uzbekistan – La via della seta

L’Uzbekistan è un sogno nel cassetto da cui non sappiamo nemmeno da dove iniziare. Da poco ha aperto le sue porte al turismo con un nuovo regime senza visti e per questo la nostra attenzione al paese è cresciuta notevolmente. L’Uzbekistan combina bellissime città della via della seta con una spettacolare architettura islamica, cibo delizioso e persone amichevoli. Prima della pandemia il turismo stava cominciando a prendere piede, ma il paese rimane uno dei meno visitati al mondo, altro fattore che ci attrae come calamite al magnete. Precisamente noi puntiamo alle città della via della seta di Samarcanda e Bukhara. Forse puntare sino alla fortezza di fango di Khiva e partire per vedere con i nostri occhi il disastro del Lago d’Aral. Sogni che speriamo possano avverarsi.

Dove viaggiare nel 2021: Samarcanda.

E voi? Quali sono i viaggi che avete in mente per questo 2021? Fateceli sapere nei commenti qui sotto! Speriamo di avervi dato alcune idee!

Pics credit: @saidalamri63, @jorgefdezsalas, @tomasmalik, @aydinabdullah, @jannerboy62


Condividi questo viaggio con altre persone!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *