Il Marocco e la città di Marrakech sono davvero dei posti fantastici da visitare, se non l’hai ancora fatto ti consiglio di leggere i miei articoli sul viaggio che ho fatto e raccontato qui. In questo articolo vi racconto delle cose che ho dovuto pensare prima di mettermi in viaggio e che ti consiglio di non dimenticare prima di organizzare il tuo viaggio in Marocco.

Contrattare quando fate acquisti

Entrare nel mood che bisogna contrattare, ai turisti viene sparato il doppio del prezzo, testato a Rissani.

Il francese è l’unica lingua europea utile.

Se avete fortuna troverete qualcuno che parla anche un po’ di italiano e spagnolo, soprattutto sulle coste. Non pensate di sfoderare un bel inglese o tedesco e ottenere una risposta (come ho sperato io). Marrakech è un’altra storia, ma nel nostro Rihad per esempio nessuno parlava inglese.

Studiare il tragitto di viaggio

Con 9 giorni a disposizione avevamo individuato due possibili tragitti uno nel Nord e l’altro nel Sud. Il primo comprendeva Tangeri-Chefchaouen-Fes-Meknes-Imilchil, il sud, quello che poi abbiamo scelto ve lo lascio qui sotto! Con una media di 222 km al giorno non si può dire che facciamo fatica ad alzarci presto (anche se mai prima delle 7) e non ci piaccia guidare. Rivalutate le tratte se pensate di mantenere altri ritmi.

Il Marocco è un paese sicuro?

La fatidica domanda: ma è sicuro? Druuuuuuuuuuuuummmm. SI LO E’. Il Marocco è un paese sicuro, lo è nei villaggi subsahariani, lo è sulle coste. Marrakech mi sento di aprire una parentesi: mi è capitato di passare di solo nella Medina alle 3 di notte, google maps non funziona perchè le vie sono troppo strette, se fossi stata una donna in quel momento fosse avrei avuto paura, in generale la ritengo comunque una città non pericolosa.

Quanto costa la vita in Marocco

Marrakech non è una città economica. Forse lo è dormire se ci si affida ad Airbnb, ma il cibo e i ticket li ho trovati più economici nel Caucaso, nei Balcani o nei Paesi Baltici, ci si deve affidare alle periferie. Lo noterete soprattutto spostandovi altrove. Dormire a Marrakech abbiamo speso circa 10-15€ a testa, mentre nel paesini del sud anche 5€.

In Marocco non fa sempre caldo

Se siete intenzionati a fare un viaggio come il nostro considerate da giugno a settembre come proibito. A meno che non intendete cospargere le vostre ceneri a Merzouga.

Ad Agadir e Essaouira il clima è più clemente, in realtà le estati sono spazzate dalla perpetua brezza marina che tiene lontane le calde correnti desertiche, mantenendo le giornate estive sui 25° e quelle invernali intorno ai 18-20°. Ouarzazate e l’intera valle delle Kasbahs d’altra parte cuoce fino a 40° in Luglio e Agosto e vede non rare gelate da metà Dicembre a Febbraio. Ne consegue che i periodi migliori sono marzo – aprile e ottobre – novembre, le notti rimangono comunque belle fresche non fate l’errore di non portare felpe e giacche a vento. Vi lascio le foto della spolverata di neve che abbiamo trovato dirigendoci a Telouet.

Come muoversi in Marocco

L’Italia è collegata bene a quasi tutti i principali aeroporti principali. Se volete risparmiare vi consiglio prima di controllare i voli disponibili e poi pianificare un viaggio, altrimenti rischiate che i voli per il vostro tragitto siano troppo costosi, soprattutto nel periodo primaverile che corrisponde all’alta stagione Marocchina. A Marrakech invece sconsigliamo la macchina, i mezzi pubblici sono efficaci e gremiti e la città è visitabile relativamente a piedi, oltre al fatto che guidano come pazzi furiosi (Georgia mi senti?).


Condividi questo viaggio con altre persone!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *