Vedere Edimburgo è come rispondere a una chiamata della città che prega di farsi scoprire. Gli archi e le volte abbelliscono la città che ha ispirato Diagon Alley: i richiami a Harry Potter sono davvero molti. Ma Edimburgo è anche la città dei pub stracolmi, dei ristoranti di classe, dei drink e dei party fino al mattino per poi tornare a casa pensieroso e barcollante all’alba. Tutto questo è elevato alla seconda in Agosto quando il Festival della città richiama la Scozia intera e Edimburgo è stracolma di gente! 

Noi abbiamo dedicato alla città un giorno e mezzo e siamo riusciti a stilare questa lista di 13 cose da vedere a Edimburgo, senza però riuscire a vivere la città come sicuramente meriterebbe. Qui sotto lascio un paio di idee per dedicare a Edimburgo il tempo che necessita.

View this post on Instagram

Fookin moist maaate.

A post shared by Andrèe (@laekna_sarin) on

Castello di Edimburgo

Iniziamo la nostra esplorazione dal Castello, che diciamolo non è proprio economico (18,50£, 11£ con lo sconto studenti, qui per i ticket). L’imponente entrata, la St. Margaret Chapel (del 1130, è la costruzione più antica presente in Edimburgo), le prigioni e la visita alla Corona di Scozia gli valgono però tutti. Con una storia che si protrae dall’Età del Bronzo, il castello si situa su una vecchia caldera vulcanica nel centro di Edimburgo e segna l’inizio della lunga Canon Street. Il castello soffrì molto durante la Guerra di Indipendenza e David II dovette ricostruirlo quasi del tutto.

Canon Gate

Lungo la strada pedonale principale si arriva sino al Holyrood. La prima doverosa fermata, tuttavia, è Gladstone’s Land, un’antica casa del XVII secolo, riarredata in stile e visitabile. Attraversa Canon Street a piedi è un piacere, qui sono infatti raggruppati molti dei punti di interesse della città e molti dei migliori locali. Hai un attacco improvviso di fame e non sai dove andare? Te lo diciamo noi!

https://perfectplaces.it/10-migliori-posti-veg-a-edimburgo/

St. Giles Cathedral

Poco oltre si apre la piazzetta sulla quale la St. Gileas Cathedral si situa. La struttura gotica del XII secolo venne divisa in partizioni con la Riforma Protestante, veniva utilizzata anche come carcere e come ritrovo per la Corte di Giustizia di Scozia. Con delle ristrutturazioni nel XIX secolo le ripartizioni vennero eliminate. La chiesa accoglie ad oggi circa 1 milione di visitatori l’anno.

The Mary King’s Close

Si tratta di una chiusura tra gli antichi palazzi di Edimburgo. Prende il nome da Mary King una borghese mercantile che qui ci abitava. La chiusura nacque durante la grande pestilenza del 1645 in cui fino a 300 residenti infetti vennero ammassati qui. Con la costruzione del Royal Exchange nel XVIII, la chiusura venne parzialmente demolita e successivamente chiusa al pubblico. Nuove ricerche hanno rivelato che Mary King’s Close in realtà consiste in una serie di chiusure che originariamente erano strette strade con case popolari ai lati. L’area divenne avvolta da miti e leggende urbane; le storie di fantasmi e omicidi abbondavano. Oggi la chiusura è visitabile con tour organizzati.

Edimburgo cosa vedere: Mary King's Close

Canongate Kirk

La Canongate Kirk è una parrocchia del XV secolo che comprende il Palazzo di Holyrood e il Parlamento Scozzese, comprende anche il Castello di Edimburgo anche se esso è staccato dalla stessa. La chiesa è circondata dal Canongate Graveyard dove tra gli altri sono sepolti lo scrittore Robert Fergusson.

School Of Divinity

Si tratta della sede universitaria di Teologia, Divinismo e Religione di Edimburgo ed è ospitata in imponenti palazzi gotici di fine 700, meraviglie da vedere, sembra davvero di essere a Hoghwarts.

Edimburgo cosa vedere; l'interno dell'università di teologia di Edimburgo.

Victorian Street

E appunto da fan di Harry Potter è impossibile non entrare in tutti i negozi a tema dove si può trovare qualsiasi cosa. Victoria Street accoglie secondo me i migliori: come Diagon Alley e The Boy Wizard. Ma la strada vale la pena essere percorsa per un altro motivo: la sua dolce curva in discesa mette in risalto i negozi colorati. Uno dei posti più fotografato dai turisti in città.

Greyfriars Kirk

L’antica Greyfriars Kirk, è uno dei monumenti più antichi della città. Dopo che per un secolo avvennero qui delle sepolture venne eretta nel 1602 la chiesa. Essa è piuttosto umile rispetto ad altre strutture, ma il cimitero che la circonda è la vera perla: le prime tombe familiari, decorate e di dimensioni notevoli, si attestano essere del 1561.

Holyrood Palace & Abbey

Insieme al Castello il Palazzo di Holyrood rappresenta probabilmente il “must have” della città. Posto proprio dall’altro lato della Canon Gate rispetto al castello, il palazzo del XVI secolo è in possesso della famiglia reale prima ancora che venisse costruito. Nel 1530, venne alzato il primo imponente palazzo e nel 1566 il confidente di Mary Queen Of Scots, David Rizzo, venne qui assassinato, sul pavimento di legno si è versato talmente tanto sangue, che ancora oggi le tegole sono arrossate.

Annesse al palazzo sono imperdibili le rovine dell’Holyrood Abbey, la navata ha tutto sommato retto nei secoli e contribuisce oggi alla magia del luogo. L’abbazia fu fondata nel 1128 da David I, venne poi ampliata e utilizzata come residenza reale prima della costruzione del Palazzo. Venne usata come chiesa fino al XVII secolo e cadde in rovina dal XVIII secolo. I giardini circostanti, che sono tenuti magnificamente, meriterebbero senz’altro uno sguardo più approfondito di quello che gli abbiamo dato noi, che ci siamo spostati solo fino al Queen Mary Bathhouse.

Edimburgo cosa vedere: Holyrood Church

Canton Hill

Sede della necropoli della città, la collina nel centro della città è stata usata negli anni come punto favorito per dipingere la città. Da qui si vedono, infatti, chiaramente il castello, il palazzo di Holyrood e il Firth of Forth. La collina è oggi sito di monumenti e memoriali storici tra cui il National Monument Of Scotland e il Dugald Steward Monument in stile greco, con numerose colonne di corinto. E’ situata qui anche la sede del parlamento scozzese ospitato dalla Old Royal High School in stile neoclassico.

I musei

Devo dire la verità: noi non siamo tipi da chiuderci in museo, soprattutto quando il clima scozzese ci ha fatto il piacere di essere clemente. In relazione vi lascio solo una lista dei musei più importanti da vedere a Edimburgo: lo Scottish National Gallery, il National War Museum e il National Museum of Scotland, ora sta a voi.

Princess Street & Garden

I giardini di Princess Street dividono la città vecchia da quella nuova. Particolarmente belli in primavera con la Ross Fountain che offre uno scorcio magnifico sul castello. La Princess Street invece è l’indubbia via della moda, dove camminerete e sentirete lo slang grezzo della città. Non lo capisci? Non ti preoccupare ci abbiamo pensato noi!

Dean Village

Il villaggio era fino al 900 a parte rispetto alla città, con i suoi 11 mulini attivi per più di 800 anni ha macinato grano per l’intera città. Oggi si presenta come un’oasi tranquilla e benestante della città, convertendo negli anni 70 le fabbriche in cottage in continuità con l’architettura della città tramite i caratteristici mattoni grigi. Lungo il fiume Leith prendiamo una passeggiata che ci guida in salita verso Haymarket.

In due giorni abbiamo avuto modo di assaporare Edimburgo, ma con del tempo in più saremmo sicuramente riusciti a vedere meglio anche i dintorni. Se volete vedere anche i musei più importanti di Edimburgo vi conviene contare qualche mezza giornata in più.


Condividi questo viaggio con altre persone!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *